La testuggine della Fattoria e i suoi cambiamenti dall'era primordiale

Darwin, un tempo disse: Non è la specie più forte a sopravvivere, nemmeno la più intelligente. Sopravvive la specie più predisposta al cambiamento.
L'uomo ha saputo adattarsi nei tempi ma di fatto è una specie molto giovane rispetto alle ere geologiche. Sarà grazie alla scienza, quindi all'intelligenza che potrà vivere incidendo sul DNA. L'unico essere dotato di desiderio, in contrasto con la natura.
Ma parliamo di testuggini, in quanto il termine "tartaruga è generico". I suoi antenati si possono collocare nell'era pleistocene "era terziaria" e, insieme a poche altre specie, sono riusciti ad adattarsi ai cambiamenti climatici e catastrofi. era la Testudo Alias, un gigante pauroso se confrontato alle testuggini odierne. Alta quasi due metri e lunga circa 2,5 metri. Come molti altri animali erano e sono in continua fase di adattamento, prendiamo le volpi, per esempio, si stanno avvicinando sempre più costantemente all'uomo, dove in un certo senso possono trovare riparo, il loro cranio si è evoluto in base alle necessità di sopravvivenza.
Ma torniamo alla nostra testuggine (Testudo hermanni), regolarmente registrata e protetta in Agriturismo. Durante l'autunno entra nella sua casetta dove si trova una piccola buca per il suo lungo letargo sino a termine primavera. Durante il percorso nella fattoria didattica, viene narrata una fiaba per i più piccoli, mentre agli studenti, viene seguito il percorso scientifico e le sue caratteristiche, i suoi comportamenti e la sua importanza nelle campagne. Sorprenderà il fatto, che nonostante non siano dotate di grande intelligenza, sanno riconoscere i volti delle persone, e riconoscono se l'habitat in cui vivono, può essere tranquillo o pericoloso. Dal carapace, potremmo conoscere la sua età, in base ai agli anelli formati negli anni, un pò come negli alberi . Conosceremo molte altre particolarità della specie, una testuggine che, se ben curata può raggiungere l'età di 100 anni.